Archivi Blog

Inside job


TITOLO ORIGINALE: “Inside job”; REGIA: Charles Ferguson; ANNO: 2010; DURATA: 2h; CAST: Matt Damon (voce), William Ackman, Daniel Alpert, Alan Greenspan, George W. Bush, Christine Lagarde

Agghiacciante documentario premio Oscar 2011 (il titolo può anche indicare il crimine commesso da chi ha le “mani in pasta”) sul gravissimo crack finanziario (di oltre 20 trilioni di dollari) del 2008, nato negli USA e, complice la globalizzazione dei mercati, dilagato con effetto domino in tutto il mondo, causando la più grande recessione dai tempi della Grande Depressione, con conseguenze pesantissime per le economie di tante nazioni e per decine di milioni di persone, trovatesi in poco tempo senza lavoro, casa e futuro. Diretto e prodotto da Charles Ferguson, questa pellicola dimostra ancora una volta quanto i filmmakers americani siano ben più coraggiosi e critici verso il proprio paese di quanto non lo siano i nostri. Prodotto e distribuito dalla Sony (in Italia è uscito in libreria per Feltrinelli Real Cinema), con un budget di 2 milioni di dollari, ne ha incassati quattro e mezzo negli USA e quasi 8 in tutto il mondo. Oltre all’Academy Award, la pellicola ha ottenuto anche i premi degli sceneggiatori, dei registi e di numerose associazioni di critici americani.
Scritto dallo stesso Ferguson, Chad Beck e Adam Bolt, “Inside Job”, grazie ad un montaggio serratissimo e alla voce narrante di Matt Damon, non molla lo spettatore nemmeno per un attimo delle sue due ore nette. Ferguson, forte delle proprie conoscenze nel campo (laureato in scienze politiche, poi arricchitosi nel settore informatico), quasi a voler passare dall’altra parte della rete di metà campo, mette insieme numerose interviste a professori, giornalisti, politici e insiders finanziari nel tentativo di recuperare tutti i pezzi di un puzzle dal non evidente assemblaggio e per chiarire cause e responsabilità di questa crisi. Tutto sembra partire (di certo il film) da quel piccolo paese nordico in mezzo al mare fino a pochi anni fa solido da tutti i punti di vista, l’Islanda; in realtà il big bang, se così si può chiamare, il regista lo colloca molto prima, negli anni ’80, cioè con la sciagurata deregulation reaganiana. Fu il presidente repubblicano a nominare Alan Greenspan segretario del comitato governatori della FED (Federal Reserve): un nome, quello di Greenspan, che ritorna più volte in “Inside job” (come molteplici sono le sue nomine alla banca centrale USA, con Clinton e Bush jr), insieme a dirigenti, consulenti e avvocati di note banche e società di servizi finanziari, come Lehman Brothers o Goldman Sachs. Purtroppo altre pedine in campo sono la Consob americana, ovvero la SEC (Securities and Exchange Commission), che “dovrebbe” vigilare sul Wall Street, e i politici, visto che le banche versano una bella sommetta per le campagne elettorali, come si sa costosissime nel continente nordamericano… Il documentario spiega con uno stile asciutto, con un linguaggio tecnico (derivati, subprime, ecc) ma con l’ausilio di interessanti animazioni semplificative, come si è trasformata la finanza, come si sono arricchite a velocità esponenziale le suddette società (col conseguente mercato dei “bonus” sempre più alti a dirigenti e manager, tutto basato su profitti spesso virtuali) e come questo ha coinvolto il mercato immobiliare dei mutui. Con una semplificazione efficace, si mostra come un tempo c’era il contraente del prestito, il cittadino A, e un solo altro soggetto, la banca B, che non lo concedeva se non con determinate garanzie d’aver indietro il denaro; ora, col pullulare di tutti questi gruppi, i soggetti sono molteplici, con prestiti incrociati in tutte le direzioni, D presta ad C, C a B, B a A ecc e C fa profitto in base agli affari di B: ogni soggetto è incentivato ad aumentare il numero di prestiti (pure i rischiosissimi “subprime”), poi se per caso A non paga… Una bolla destinata a scoppiare, tanto che, in silenzio, alcune di queste società “scommettevano” (incrementando ulteriormente i propri guadagni) sul fallimento di certi prodotti finanziari (come i mutui o le assicurazioni), mentre nello stesso istante i cittadini venivano ingannati ad acquistarli, col beneplacito delle agenzie di rating, come Standard and Poor’s o Moody’s, che fino al giorno prima del crack mondiale attribuivano notevole stabilità (AA o AAA) a quelle compagnie.
Meno ironico ma anche meno fazioso dei documentari firmati M. Moore, “Inside job” è davvero un’opera imperdibile, un vero e proprio thriller a colpi di banconote, che, a differenza di altri di questo genere, prevede un pseudo-finale (forse il più aperto che abbia mai visto sul grande schermo) ancora più drammatico, dal mio punto di vista sotto due aspetti: l’impunità e la formazione scolastica. Da una parte, la politica, che per ora sembra inerme: dopo Reagan, i due Bush, Clinton e ora Obama, nessuno che abbia fatto un passo indietro, schiavi dei banchieri (oltre che dei petrolieri, come dimostra, ancora ce ne fosse bisogno, la recente fine della moratoria nel Golfo del Messico) da cui vengono finanziati: è da brivido la sequenza di nomine che mostra come nel 2010 i responsabili di questo crack siano tutti in posizioni di alto livello, alcuni addirittura passati nello staff dell’attuale governo. Non solo non hanno pagato, non solo le banche hanno avuto iniezioni di milioni di $ dallo stato, ma ora questi soggetti continuano a dirigere l’economia statunitense (e quindi mondiale). I bonus a diversi zeri sono spariti? Purtroppo nemmeno quelli. E come denuncia Ferguson, se è “comprensibile” (tra molte virgolette) il no alle interviste del boss di Goldman Sachs o di altri privati, sono vergognosi i rifiuti degli attuali funzionari pubblici. Il secondo aspetto, anch’esso più che documentato, è quello della formazione: spesso i professori di economia (di università come la Columbia o Harvard) “arrotondano” con poltrone qua e là e c’è da chiedersi se la loro visione molto “libera” della finanza non avrà conseguenze sulle future classi dirigenti.
C’è un raggio di luce in tutto questo? Sono pochi i volti positivi (o meno negativi), i “supereroi” (seppur fra molte virgolette) a cui aggrapparci: come ci viene mostrato in conclusione, l’Unione Europea, nonostante tutti i problemi riscontrabili, ha un’etica più sana, soprattutto nei tentativi di fissare delle regole più stringenti alla finanza selvaggia, mediante documenti firmati dai nostri ministri dell’economia (ma non dal governo USA), tra cui figura la francese C. Lagarde, nel frattempo arrivata alla direzione generale del FMI (Fondo monetario internazionale, istituto specializzato delle Nazioni Unite nato nel ‘46) al posto di Dominique Strauss-Kahn. Che, notazione puramente personale, non ho mai pensato possa essere vittima di un complotto in vista delle elezioni francesi (Sarkozy sta facendo, poveretto, tutto da solo…): piuttosto potrebbe essere finito nel mirino (degli americani quindi?) per la sua opposizione a questo marciume. Pensiamo all’ex procuratore e governatore di NY, lo “sceriffo” Eliot Spitzer, dimessosi nel 2008 in seguito ad uno scandalo sessuale: sicuramente in questo non lo avrà costretto nessuno, ma c’entreranno qualcosa anche i suoi tentativi di ripulire Wall Street?

Voto: 9/10

Annunci

The Informant


Anni Novanta. Ingegnere biochimico e vicepresidente della multinazionale agroalimentare Adm, Mark Whitacre (Matt Damon) denuncia all’FBI i suoi superiori, rei di un accordo fraudolento per il controllo dei prezzi. Fare la spia per il governo non gli impedisce però di commettere un illecito dopo l’altro, nel folle tentativo di scalare il potere dentro la sua azienda. L’agente Brian Shepard (Scott Bakula) non riuscirà più a distinguere verità e menzogne.

Scott Z. Burns adatta il libro di Kurt Eichenwald, che ricostruisce per incarnare un personaggio paradossale ed emblematico di una certa America: spregiudicato, ingenuo, mitomane, patologicamente bugiardo al limite della schizofrenia, ferocemente determinato. Soderbergh cerca di mostrare la fragilità e l’assurdità di un mondo che non conosce più morale. Certo, non ha la verve dei fratelli Coen, e i dialoghi a volte sono troppo fitti, ma sa rappresentare l’inquietante normalità  della follia, azzeccando almeno una trovata narrativa: il monologo interiore del protagonista, che contrappunta gli eventi in modo surreale, con effetti di irresistibile comicità. Curiosamente retrò la colonna sonora di Marvin Hamlisch. George Clooney è uno dei produttori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: