Archivi Blog

Ghost Dog – Il Codice del Samurai


Al servizio di mafiosi con cui comunica solo tramite piccioni viaggiatori, il killer newyorkese Ghost Dog (Forest Whitaker, più che ottimo!), si ispira ai valori dell’Hagakure, il trattato del XVIII secolo sull’etica dei samurai. Ma quando i suoi mandanti decidono di farlo fuori, si apre per lui un problema morale: come ribellarsi ai suoi signori?
Jarmusch (anche sceneggiatore) prosegue la riflessione sulla morte di Dead Man con un noir zen e onirico, che poi complica da una parte con siparietti parodici di cui sono protagonisti i gangster (tra cui l’immenso Henry Silva), dall’altra con sprazzi di commedia surreale nel solco del proprio cinema precedente. Il migliore amico di Ghost Dog, per esempio, è un gelataio francese (Isaach De Bankolé): ognuno parla la sua lingua e teme sempre che l’altro non abbia capito, anche se in realtà sono in perfetta sintonia e sincronicità. Appropriata metafora per un mondo allo sfascio, dove il tragico si mescola al ridicolo, il sangue ai cartoon, ma rimane qualcosa cui appigliarsi.

Un capolavoro a base di rap (Onyx, Mobb Deep), ambient e free Jazz a cura di The RZA, leader dei Wu-tang Clan. La fotografia è di Robby Müller. Damon Whitaker, fratello di Forest, è Ghost Dog da giovane.

Pulp Fiction


“Ezechiele 25.17: “il cammino dell’uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare ed infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te.” Ora, sono anni che dico questa cazzata, e se la sentivi significava che eri fatto. Non mi sono mai chiesto cosa volesse dire, pensavo che fosse una stronzata da dire a sangue freddo a un figlio di puttana prima di sparargli. Ma stamattina ho visto una cosa che mi ha fatto riflettere. Vedi, adesso penso, magari vuol dire che tu sei l’uomo malvagio e io sono l’uomo timorato, e il signor 9mm, qui, lui è il pastore che protegge il mio timorato sedere nella valle delle tenebre. O può voler dire che tu sei l’uomo timorato, e io sono il pastore, ed è il mondo ad essere malvagio ed egoista, forse. Questo mi piacerebbe. Ma questa cosa non è la verità. La verità è che TU sei il debole, e io sono la tirannia degli uomini malvagi. Ma ci sto provando, Ringo, ci sto provando, con grande fatica, a diventare il pastore.”
(Jules Winnfield/Samuel L. Jackson)

Una serie di storie che si intersecano a Los Angeles: 1) due balordi (Tim Roth e Amanda Plummer) stanno per fare una rapina in una tavola calda. 2) Due killer spietati , Vincent Vega (John Travolta) e Jules Winnfield (Samuel L. Jackson) recuperano una misteriosa valigetta, puliscono la loro macchina sporca di sangue con l’aiuto di Wolf (Harvey Keitel), e finiscono proprio nel locale dove i due balordi fanno la rapina. 3) Vincent porta a ballare Mia (Uma Thurman), la moglie del capo Marsellus Wallace (Ving Rhames): ci finirà a letto? 4) Il pugile Butch (Bruce Willis), anziché andare a terra in un incontro truccato, uccide il suo avversario e tenta di fuggire da Marsellus: ma finisce assieme a lui nella tana di due assassini sadici.
“Pulp fiction” significa narrativa da quattro soldi, a base di sesso e violenza: ma Tarantino, da cinefilo che ama le citazioni, non prende nulla sul serio, e sdrammatizza le situazioni più truci con un umorismo ghignante a volte irresistibile. Un perfetto gioco d’incastri, dialoghi paradossali (il copione è di Tarantino con la collaborazione di Roger Avary per il soggetto), una buona direzione d’attori (Travolta e Jackson forse su tutti). La fotografia è di Andrzej Sekula; Danny De Vito è uno dei produttori esecutivi. Tarantino interpreta Jimmie, Pam Grier la sua fidanzata e Steve Buscemi è il sosia di Buddy Holly. Palma d’oro a Cannes nel 1994 e Oscar per la miglior sceneggiatura originale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: